L'agricoltura è sociale ⌁ a cura di R. Brioschi / A tutto Gas!
L'agricoltura è sociale ⌁ a cura di R. Brioschi / A tutto Gas!

Mercoledì 19 settembre / I mercoledì del Magaz

► ore 20:30 presentazione del libro “L’agricoltura è sociale”, con l’autore Roberto Brioschi.

Mettere radici nel cielo: un viaggio nell’agricoltura sociale in Italia.
Un modello economico e culturale antico e innovativo, tra fattorie sociali e cultura contadina.

Iniziativa promossa da G.A.S. Gruppo di Acquisto Solidale Malatesta.

Milano, 17 gennaio 2017 – Esce la prima “guida” che racconta le esperienze di agricoltura sociale in Italia, a partire dalle fattorie sociali, dove lavorano con successo migliaia di persone con abilità differenti, perché “la terra non discrimina chi se ne prende cura”. “L’agricoltura sociale – spiega il fondatore della Rete Fattorie Sociali, lo studioso Alfonso Pascale – recupera il senso originale dell’agricoltura, il suo legame con la comunità perché oltre a produrre cibo fornisce ‘servizi’ per il benvivere, quali la cura alla persona, l’ospitalità, le attività di insegnamento, la tutela della fertilità del suolo: ciò che oggi chiamiamo multifunzionalità”.

Questo libro racconta le molteplici forme di agricoltura sociale, un modello economico e culturale, antico e innovativo allo stesso tempo, ma soprattutto inclusivo, perché nella sua dimensione sociale coinvolge ogni cittadino e comparto della società.“L’agricoltura (…) è sociale perché chi ci lavora ritorna padrone del proprio tempo di vita, costruisce modelli di comunità inclusivi, crea filiere corte legate al territorio, biologiche ed etiche – spiega il curatore del libro Roberto Brioschi – e diventa così uno dei motori dello sviluppo sostenibile, promuove integrazione e salute, sviluppa capacità collettive e individuali, produce lavoro e reddito, restituisce scopo, senso e felicità all’esistenza”.

ll libro è curato da Roberto Brioschi (Milano, 1952) attivista della terra e membro di Rete dei Semi Rurali, già co-autore per Altreconomia de “I semi e la terra”, “Dormire nell’orto” e “Biologico etico”. Sostiene il Rinascimento della Contadinanza e la risorgenza del Movimento Contadino. Ha fondato la prima web rivista (gratuita e partecipata) “La Via Contadina, coltiviamo il futuro” http://www.laviacontadina.it.

Gli autori e i contributi al libro:
Con i testi di alcuni tra i maggiori esperti di agricoltura sociale e della “nuova ruralità” in Italia: Massimo Angelini, filosofo, coltivatore d’idee, ruralista, è autore della prefazione. Antonio Pascale, fondatore della Rete delle Fattorie Sociali e Marco Berardo Di Stefano, suo attuale presidente, raccontano lo stato dell’arte dell’agricoltura sociale in Italia. Con uno scritto esclusivo di Andrea Pierdicca, attore-narratore della contadinanza e importanti contributi di: Carlo Triarico, presidente dell’Associazione Nazionale Agricoltura Biodinamica; Federico Marchini, presidente dell’associazione Anabio; Claudio Pozzi, coordinatore di WWOOF Italia; Andrea Bomprezzi, Sindaco di Arcevia; Fabio Taffetani docente all’Università Politecnica delle Marche; Paolo Ciarimboli, libero zappatore; Paolo Cova, parlamentare che commenta la legge 141/2015 sull’agricoltura sociale. Schede su agricoltura carceraria e della legalità, resistenze agricole e usi civici, agricoltura migrante ed equosolidale curate da Massimo Acanfora, giornalista.