Le Scorie live / at Freezer!
Le Scorie live / at Freezer!

Mercoledì 24 luglio FREEZER!
Musica / Banchetti / Concerti!

Freezer è l’appuntamento del mercoledì, che porterà nella piazzetta del Magazzino Parallelo un mercatino di cibi biologici di produttori della zona, usato da rimettere in circolo, prodotti dell’ingegno di artigiani e crafter.

→ Se vuoi partecipare come espositore, invia una richiesta tramite Facebook Messenger 🙂

IL PROGRAMMA DELLA SERATA
☛ dalle 18:00 inizio dj Adventure – musica dall’isola perduta – a cura di Worris Radio Garbino

☛ Piatto del Mercoledì a cura del collettivo Parallelo.
Sostieni le attività del circolo col piatto misto del mercoledì 🙂

☛ ore 22:00 live Le Scorie

Mentre nell’aprile del 1986 il mondo scrutava il cielo alla ricerca delle polveri grigie sparate al vento dall’esplosione di Cernobyl, e le madri la mattina proteggevano in loro figli vietandogli di bere il latte perché alimento contaminato da quelle radiazioni, un pugno di ragazzetti in cerca di autore, muovevano furtivi i primi passi verso l’organizzazione di una giovane band il cui nome non poteva che essere generato dall’orizzonte di quel cielo: LE SCORIE.

Era l’epoca del primo revival dei mitici anni 50 e 60 in cui si riscoprivano suoni e parole che erano state dei genitori, ma che in quel momento sembravano piú che mai attuali, e si recuperavano dalle cantine vecchi 45 giri in vinile, corrosi dall’uso e riuso, ma che ancora regalavano emozioni quando li riascoltavi in compagnia, magari ad una festa il sabato sera tra fiumi di birra e ammucchiate.

Dopo i primi concerti e un certo andirivieni tra gli amici la formazione assunse forma stabile verso la fine degli anni ’80, complice un vecchio pulmino Wolkswagen bianco e rosso a metano – “Il ferraccio” – acquistato in tre per 500mila lire da un parroco di campagna, che chiuse per sempre l’epoca del tira e molla adolescenziale inaugurando una produttiva stagione di concerti e di registrazioni.

Ancora oggi dopo 33 anni, Alessandro Stambazzi – batteria e percussioni, Marco Fabbri – basso e voce, Matteo Gaggi – chitarra e voce, suonano insieme diffondendo con passione il richiamo del rhythm and blues cantato rigorosamente in italiano – la lingua materna – col prezioso e irrinunciabile aiuto di Iacopo Raggi – organo e pianoforte e Andrea Peradotto – armonica.

Iniziativa realizzata con il contributo di Associazione ARCI Cesena

➡ Come sempre, ingresso a offerta libera, tessera Arci obbligatoria.